Sud America 2015/16 – Giorno #10 – Ecuador –  Che smacco per un figlio di ferroviere

Toppare cosí la tappa di Alausí: che vergogna! Non sono riuscito a prendere il treno che si inerpica a zig zag su per la Nariz del Diablo (un dirupo apparentemente impossibile su cui far correre una rotaia)…e ciò indubbiamente integra gli estremi dello smacco, almeno per un figlio di ferroviere.

Non ho verificato gli orari, mi sono fidato di quello che mi avevano detto a Banos e ho perso l’ultima corsa. La cosa pessima è che oggi è domenica, e il lunedì il treno non arrampica. Anche questo avrei dovuto saperlo. Smacco totale, niente da fare. Di rimanere ad Alausilí per un giorno a vuoto non se ne parla, quindi il verdetto è: niente treno, piano B. Muoviamo verso Cuenca.

Ma forze cosmiche tramano per farmi passare la notte qui: tutti i bus sono pieni. Niente fino a domattina.

Però sono italiano, e un italiano in sud America una soluzione di solito la trova,  soprattutto se incontra una famiglia mista italo-ecuadoriana con la quale escogitare un piano C.

Ed eccoci contrattare un passaggio in camioneta per Cuenca, con il grande Julio a dirigere le trattative atte a portare a destinazione la sua famiglia allargata (che conta un genero genovese, povero lui).

La proposta è accettabile, monto anche io: sono italiano, dicevamo, e so quando salire sul carro dei vincitori.

Io, Julio e Pablito (Paolo il genovese… povero Julio) ci accatastiamo sul retro del pick up, le donne e la prole si accomodano all’interno. In 3 ore di guida forsennata dove passiamo dalle fitte nebbie dei valichi montani alle soleggiate valli intorno a Cuenca, nel retro della camioneta se habla de todo: costume, politica, storia, civiltà precolombiane, cibo e naturalmente economia, con uno Julio debordante e un Pablito pacioso.

Julio di profilo è sosia perfetto di Lucio Dalla, Pablito mi ricorda un cartone animato di cui mi sfugge il nome.

A Cuenca incontro un po’ di gente, tra cui una francese sui 50 con aria sofisticata, che dichiara di viaggiare da 10 anni in sud America senza mai lavorare. O ha i soldi o la da in cambio di beni e servizi, non vedo altre alternative. È esperta di tutto,  snocciola sospirando nomi di città e luoghi, conosce situazioni e persone. La grandeur francese. Tsé. Predice la mia morte qualora io prenda la strada montana per sconfinare in Perù perchè è stagione delle piogge, e quando esce per fumare le chiedo se ha da offrirmi una sigaretta. Risposta: mi dispiace, qui sono molto costose. Mi vedo costretto dunque a scartare l’ipotesi che sia ricca per abbracciare serenamente l’altra.

PS
Prenderò quella strada e una volta  sopravvissuto scroccherò e fumerò  alla faccia sua.

image

Foto meramente indicativa

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...